Labirinti Morali

6 minuti

Rebecca Horton esplora l’etica nella vita quotidiana degli studenti

Posso firmare al posto di un mio amico alle lezioni?

Sono le nove di lunedì mattina e tu sei seduto, pronto per l’inizio della lezione di microbiologia. Controlli il telefono. Daniel ha inviato un messaggio dicendo che si è appena svegliato. Ti chiede di firmare per lui sul registro – ti ricambierà il favore. Sembra innocuo – è sbagliato?

La tentazione di non dire la verità è sorprendentemente comune nella facoltà di medicina: raccontare agli altri ciò che è emerso negli esami pratici, firmare per le persone a conferenze e trovare scuse per andarsene dal tirocinio in anticipo. Il GMC (l’Ordine dei Medici del Regno Unito) attribuisce un alto valore all’integrità; devi assicurarti che la tua condotta corrisponda alla fiducia dei tuoi pazienti in te e la fiducia del pubblico generale nella professione, [1] e sebbene queste azioni possano sembrare innocue, alla fine non sono veritiere. Come cristiani, abbiamo ancora più motivi per agire con integrità.

Dio non mente mai; Gesù e lo Spirito Santo sono entrambi indicati come la verità. Dovremmo dire la verità perché la Scrittura ci insegna a farlo. [2] La nostra condotta dovrebbe adornare il Vangelo; dobbiamo dire la verità in modo che gli altri sappiano che possono fidarsi; [3] le nostre bugie possono danneggiare gli altri. Non dire la verità ha conseguenze in entrambe realtà, terrene e spirituali. In qualità di ambasciatori di Cristo, quando mentiamo o fuorviamo intenzionalmente, non promuoviamo il Vangelo o dimostriamo integrità. Ci sono anche altre aree da considerare. Siamo a rischio di compromettere la formazione di un collega, o la nostra, quando firmiamo al posto loro e viceversa costantemente? O ignoriamo che qualcuno stia attraversando un periodo difficile?

Come dovremmo rispondere a ciò? Dire la verità può essere difficile. La Bibbia ci insegna ad “agire secondo la verità nell’amore.” [4] Forse, quando rifiutiamo di mentire ai nostri amici, possiamo invece offrirci ad aiutare con la revisione della lezione persa, condividere i nostri appunti o parlare insieme di ciò che rende a loro così difficile alzarsi dal letto.

Dobbiamo dire la verità, essendo pronti a rispondere a qualunque ci domandi la ragione della speranza che abbiamo. [5] Non barare agli esami o uscire durante le lezioni è qualcosa che ci distingue molto. Questo è anche una grande opportunità. Non facciamo queste cose perché troviamo facili gli esami? O perché abbiamo paura di essere scoperti? No. Le nostre azioni sono diverse perché abbiamo una speranza più grande, una speranza nel Signore Gesù Cristo, un Dio di verità, che è più interessato al nostro carattere piuttosto che al numero di esami che superiamo.

Ho la responsabilità di parlare se vedo qualcosa che sembra sbagliato?

Sapere quando parlare non è semplice. Potremmo avere meno esperienza della persona che sembra stia facendo qualcosa di sbagliato o non essere abbastanza sicuri di ciò che stiamo vedendo. Sapere esattamente ciò che dovrebbe essere fatto, è qualcosa che varia molto a seconda della situazione, e implica sia la discussione con la persona coinvolta sia la ricerca della persona giusta a cui rivolgersi, se necessario. Forse siamo preoccupati che un errore possa danneggiare un paziente, che un collega sia trattato in modo ingiusto o che un altro medico sembri non stia bene. La Bibbia ci fornisce alcuni princìpi guida su perché e come dovremmo parlare. Il più grande comandamento di Gesù, dopo quello di amare a Dio sopra ogni cosa, è amare il nostro prossimo, e questa dovrebbe essere la nostra motivazione per parlare. Quando parliamo nella giusta situazione, possiamo condividere l’amore di Cristo.

Come dovremmo parlare? Queste situazioni di solito sono complesse e generalmente non conoscerai tutta la storia. Matteo 18:15-16 si riferisce all’affrontare il peccato dei fratelli e sorelle cristiani, ma il principio di rivolgersi prima all’individuo, prima di passare a un responsabile, può essere applicato anche a queste situazioni. Se parliamo per amore di Cristo, allora dovremmo agire anche a seconda del suo carattere. “Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé” (Galati 5:22-23); riflettere alcune di queste qualità può aiutarci quando intendiamo far sentire la nostra voce:

  • Gentilezza: ragiona prima. Spesso in una situazione c’è di più di quanto sembri. Potresti sbagliarti o non comprendere appieno il motivo di quella decisione. “…una parola pungente eccita l’ira.” (Proverbi 15:1) mentre una domanda gentile può evitare un errore o farti capire meglio la decisione.
  • Affetto: mostra interesse per le persone. È importante essere sensibili nel modo in cui chiediamo e offriamo supporto.
  • Autocontrollo: stai lontano dai pettegolezzi. Forse sei preoccupato che il tuo tutor abbia un problema con l’alcol. Forse c’è un medico di cui tutti parlano degli errori che fa e tu ne hai quindi uno nuovo da aggiungere. Resisti alla tentazione di partecipare, ma identifica invece i modi in cui puoi riferirlo appropriatamente nella tua università. 

Fine settimana in chiesa o ripetere per l’esame?

 La gestione del tempo è difficile per tutti gli studenti di medicina. Come cristiani, la comunione con la chiesa locale è biblica e importante. Abbiamo anche la responsabilità di studiare duramente in modo da poter fornire la migliore assistenza clinica ai nostri pazienti.

Non è vero che i cristiani dovrebbero sempre andare a tutti gli eventi della chiesa perché allora Dio li farà superare tutti gli esami; la Parola ci incoraggia a lavorare con tutto il cuore qualunque cosa facciamo. Dobbiamo farlo come se lavorassimo per il Signore, [6] e possiamo essere tentati di finire invece per lavorare per noi stessi. Dio ha disposto buone opere da fare per ciascuno di noi. [7] La domanda è: quali sono queste opere?

Gesù disse: “Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: Amerai il tuo prossimo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti” (Matteo 22:37-40). In tutta la Scrittura vediamo un Dio che desidera ardentemente che il suo popolo torni a Lui, cammini con Lui e Lo conosca di più. Questa dovrebbe essere la nostra priorità. Le azioni di Gesù riflettono questo e anche nei giorni più impegnativi si prendeva del tempo per pregare. Il modo esatto in cui trascorriamo il resto della nostra giornata può variare. Abbiamo tutti doni diversi da Dio, [8] e ognuno di noi è esortato a usarli bene. Lavorare per il Signore a volte significa trascorrere una serata di studio, a volte parlare con un amico o talvolta incoraggiare gli altri durante un fine settimana in chiesa. Gesù ha dato la massima priorità alle relazioni: la famiglia della chiesa, gli amici e la nostra famiglia biologica non dovrebbero essere dimenticati quando ci trasferiamo lontano da casa. [9]

In pratica, ci sono probabilmente aree in cui possiamo essere più efficienti. Usare agende e pianificare il lavoro in anticipo può aiutare a bilanciare le priorità, e forse c’è un amico sincero che può aiutarti in questo. È anche importante ricordare che non devi fare tutto: servire Dio deve essere una gioia e non un peso.

Allora come trascorrerò questo fine settimana? La risposta sarà diversa in momenti diversi e va bene così. Amare Dio prima di tutto non significa necessariamente partecipare a ogni evento della chiesa, così come lavorare con tutto il cuore non significa prendere il voto massimo in ogni esame. Non preoccuparti, [10] ma fidati di Lui, prega per il tuo tempo e ricorda che è un Dio di grazia.

Andare a “vedere la cistifellea” nel letto 4?

Forse questo dilemma è più sottile, ma è una situazione in cui ti ritroverai diverse volte. La questione morale sta nel modo in cui pensiamo ai pazienti. Il chirurgo che ti chiede di “controllare la cistifellea” nel letto 4 non vuole dire letteralmente che dovresti ignorare il resto del paziente, e nessun medico lo condonerebbe seriamente. Tuttavia, questo è un atteggiamento in cui è fin troppo facile scivolare quando si va a caccia di “casi interessanti” nei reparti.

Il GMC (l’Ordine dei Medici del Regno Unito) dice che dovremmo importarci di tutta la persona: fisicamente, psicologicamente e spiritualmente. [11] Inoltre, Dio non ha creato delle cistifellee isolate, ha creato persone intere! John Stott coglie utilmente questa idea: “Dio ha creato l’uomo, che è il mio prossimo, un corpo-anima concomitanti. Pertanto, se amiamo il nostro prossimo come Dio lo ha fatto, dovremmo inevitabilmente preoccuparci per il suo benessere totale”. [12] Possiamo e dobbiamo imparare dai pazienti, vedere un’ampia varietà di patologie è importante. Ma se consideriamo l’intera persona, questa non è solo una buona pratica medica, ma è un attributo che ci distingue per i nostri colleghi e serve a promuovere i valori di Dio.

Rebecca Horton è un medico specializzando del primo anno a Oxfordshire.

Riferimenti:

[1] Ethical guidance: good medical practice (domain 4,65). GMC 2019 bit.ly/2XEDVxB

[2] Efesini 4:24-25

[3] Tito 2:10

[4] Efesini 4:15

[5] 1 Pietro 3:15

[6] Colossesi 3:23

[7] Efesini 2:10

[8] Romani 12:6-8

[9] 1 Timoteo 5:8

[10] Matteo 6:25-34

[11] Ethical guidance: good medical practice (domain 1, 15a). GMC 2019 bit.ly/2LKOW9n

[12] Stott J. Christian Mission in the Modern World. London: IVP, 2015

Link originale

Traduzione a cura di Joao Vitor Nardi