Che cosa mi entusiasma?

Lo leggi in 5 minuti

Bernard Palmer si chiede che cosa ci motiva veramente.

Bernard Palmer è ministro presso Christ Church Baldock, ex consulente chirurgo e autore di “Cure for Life.”

Le persone si emozionano quando le battaglie vengono vinte. ‘L’Arsenal ha vinto 3-0 ieri – una partita fantastica’.

Anche i cristiani possono essere molto emozionati quando vengono vinte battaglie. Un amico era turbato dalla quantità di bestemmie al lavoro. Ha deciso di agire. Ha affrontato il suo supervisore e ha spiegato quanto offensivo trovava questo. Ma le bestemmie continuarono. Scrisse una lettera alla direzione lamentandosi di questa pratica. Quindi un avviso è stato messo sulla bacheca mettendo in guardia le persone di osservare il loro linguaggio.

Il mio amico era carico. Ma c’era un costo. È stato messo da parte al lavoro per essere stato uno “spione”. Era considerato uno di mentalità chiusa. Un muro era stato costruito separandolo dagli altri. Certo, uno o due hanno riconosciuto la sua posizione per alti ideali, ma cosa è stata veramente la vittoria? Tutto ciò che dice ora riguardo al Signore Gesù sarà trattato come ridicolo. In un breve lasso di tempo le bestemmie torneranno naturalmente in quel posto di lavoro perché è così che molte persone parlano naturalmente – perché a loro non importa di Gesù. È significativo che spesso uno dei primi cambiamenti che si verificano quando le persone diventano cristiani è che smettono di bestemmiare, se questa fosse un’abitudine. Carico per la ragione sbagliata?

Gesù mandò 72 dei suoi seguaci a preparare la strada per lui – mandò gli operai nel suo campo di raccolta “. Dovevano guarire i malati e poi dire alla gente: “Il regno di Dio si è avvicinato a voi”. Luca 10:9

Dove non fossero stati benvenuti loro avrebbero detto: “Il regno di Dio si è avvicinato a voi”.

Gesù ha reso molto chiaro che, come suoi emissari, stavano agendo per conto di Dio. “Chi ascolta voi ascolta me; chi respinge voi respinge me, e chi rifiuta me rifiuta Colui che mi ha mandato”. Luca 10:16

Dio si aspetta che i suoi discepoli trasmettano le notizie su come possano diventare membri del regno di Dio. Questo è un compito elettrizzante. Tuttavia, quando i 72 tornarono pieni di gioia, la causa di ciò non fu perché avevano visto atri rispondere al messaggio. Esclamarono: Signore, anche i demoni ci sono sottoposti nel tuo nome. (Luca 10:17)

Erano entusiasti perché avevano sperimentato vittorie in battaglie spirituali.Gesù tuttavia era chiaramente infelice. Il suo obiettivo era che le persone diventassero membri del suo regno. Soddisfare quel fine dovrebbe essere sufficiente per soddisfare le persone. Com’è facile distogliere gli occhi da ciò che soddisfa Gesù verso ciò che ci diletta. È una questione di priorità. Non c’era chiaramente nulla di sbagliato nel vincere battaglie spirituali o nella guarigione delle persone. Il problema arriva quando i seguaci di Cristo distolgono gli occhi dal suo obiettivo principale, il portare la gente nel suo regno eterno. Le vittorie nelle battaglie individuali non possono sostituire la vittoria nella guerra.

Ciò che conta davvero
Gesù ha ricordato ai suoi seguaci il fatto che sebbene le vittorie nelle battaglie spirituali siano soddisfacenti, avere i nostri nomi scritti nel Libro della Vita è ciò che conta.
‘Tuttavia non rallegrarsi che gli spiriti si sottomettano a te, ma rallegrati che i tuoi nomi siano scritti in cielo.’ (Luca 10:20)
Secondo Gesù, lo scopo della vita per me è riconoscere chi lui è e poi renderlo lo scopo della mia vita. Gesù continua a dire:

“Ogni cosa mi è stata data in mano dal Padre mio; e nessuno sa chi è Figlio, se non il Padre; né chi è il Padre, se non il Figlio e colui al quale voglia rivelarlo.”  (Luca 10:22)
Gesù sta dicendo qui che nulla conta tanto quanto sapere chi è e entrare in una relazione personale con lui. Tutte le attività della vita, per quanto buone siano, si riducono nell’insignificanza se non siamo venuti per riconoscere il Signore Gesù e servirlo facendolo conoscere attraverso ciò che facciamo e diciamo. Le domande dovrebbero essere poste se ciò che sto facendo non porta a riconoscere e onorare Cristo.

Sostituti per la cosa reale

Luca rende questo punto molto chiaro dalla storia che segue. Un esperto nella legge chiese a Gesù,

“Che devo fare per ereditare la vita eterna?” (Luca 10:25)

Cosa mi emoziona di più? Ottenere un buon punteggio per una partita di golf, vincere una battaglia di qualche tipo contro un avversario, godere di un hobby, godersi il giardino, aiutare la famiglia, progredire nella mia carriera – tutti questi possono diventare sostituti per la cosa reale. Il Dio della Bibbia vuole che tutti noi conosciamo Gesù e poi lo facciamo conoscere. È la chiave per godersi la bella vita sia adesso sia anche, e soprattutto, nell’eternità. L’apostolo Giovanni ha detto chiaramente: “Chiunque crede nel Figlio ha vita eterna, chi invece rifiuta di credere al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio rimane su di loro.” (Giovanni 3:36)

Lo scopo della chiesa

La priorità di far conoscere Gesù in modo che altri possano essere salvati era chiaramente quella che Gesù voleva che tutti i suoi discepoli comprendessero. Alcuni capitoli successivi su Luca riportano la seguente conclusione.

“Tutti i pubblicani e i peccatori si avvicinavano a lui [Gesù] per ascoltarlo. Ma i Farisei e gli scribi mormoravano: “Costui accoglie i peccatori e mangia con loro”.

Ed egli disse loro questa parabola: “Chi di voi, avendo cento pecore, se ne perda una, non lascia le novantanove nel deserto a e non va dietro a quella smarrita finché non la ritrova? E quando lo trova, se lo mette allegramente sulle spalle e torna a casa. E giunto a casa chiama i suoi amici e i vicini e dice: “Rallegratevi con me, perchè ho ritrovato la mia pecora che era smarrita». Vi dico che allo stesso modo ci sarà più gioia in cielo per un solo peccatore che si ravvede, che per novantanove giusti che non hanno bisogno del ravvedimento.” (Luca 15: 1-7)

Possiamo gioire così facilmente delle vittorie in questo mondo, ma nel regno di Dio la salvezza è ciò che conta. Questo è lo scopo della chiesa. Gesù stava parlando con i suoi discepoli dopo la sua risurrezione quando ha di nuovo chiarito che la priorità di Dio era la ricerca dei spiritualmente smarriti.

“Poi aprì le loro menti in modo che potessero capire le Scritture. Egli disse loro: ‘Questo è ciò che è scritto: il Messia soffrirà e risusciterà dai morti il ​​terzo giorno, e il ravvedimento per il perdono dei peccati sarà predicato nel suo nome a tutte le nazioni, a cominciare da Gerusalemme. Voi siete testimoni di queste cose.” (Luca 24: 45-48)

Cosa sta succedendo alla Chiesa di Dio in Occidente? Perché così tanti non condividono questa priorità? Troppo spesso troviamo le nostre gioie e le nostre soddisfazioni in altre forme di vittoria e non nell’aiutare gli altri a riconoscere il loro Signore e Salvatore. L’evangelismo non può essere fatto isolatamente; dobbiamo prenderci cura dei bisognosi affinché gli altri possano vedere l’amore di Dio in azione. Tuttavia, perché la Chiesa intraprenda missioni che escludono il Signore Gesù dal centro, andrebbe contro l’intero impulso della Scrittura.

Articolo di Bernard Palmer

Traduzione a cura di Joao Vitor Nardi

http://www.cmf.org.uk/resources/publications/content/?context=article&id=26407