Triage divino

Lo leggi in 3 minuti

Andrew Miller esplora la guarigione della donna che soffre di menorragia.

Ora, quando Gesù ritornò, una folla lo accolse, perché tutti lo stavano aspettando. Poi un uomo di nome Giàiro, un capo della sinagoga, venne e si gettò ai piedi di Gesù, lo pregava di venire a casa sua perché la sua unica figlia, una ragazza di circa dodici anni, stava morendo. Mentre Gesù stava arrivando, la folla quasi lo schiacciava. E c’era una donna che soffriva di un sanguinamento per dodici anni, ma nessuno poteva guarirla. Si avvicinò alle sue spalle e toccò il lembo del suo mantello, e immediatamente l’emorragia si arrestò.
(Luca 8: 40-44, Marco 5: 22-29).

L’anemia cronica di questa donna con sanguinamento uterino disfunzionale sarebbe stata abbastanza grave da compromettere le sue attività quotidiane. Così, come altri prima di lei (Marco 3:10), toccò il lembo del mantello di Gesù. Fin qui tutto bene. Si riprende all’istante e Gesù continua l’emergenza di rischio di morte. O lui…?

‘Chi mi ha toccato?’ Chiese Gesù Quando tutti lo negarono, Pietro disse: “Maestro, la gente si stringe e si schiaccia contro di te”. Ma Gesù disse: “Qualcuno mi ha toccato; So che il potere è uscito da me. ‘ Poi la donna, vedendo che non poteva passare inosservata, venne tremando e cadde ai suoi piedi.
(Luca 8: 45-48, vedi anche Marco 5: 30-34).

Questo pone il primo indovinello – perché Gesù há costretto questa donna a rivelarsi? Ci è voluto del tempo, durante il quale l’emergenza nella casa di Giàro è diventata una fatalità. Più tardi Gesù ha avuto il bisogno di riportarla in vita, provocando una pubblicità sensazionalistica indesiderata. Per risolvere questo, dobbiamo esplorare il secondo indovinello: perché questa donna non si rallegrava del fatto che fosse stata realmente “guarita all’istante”? Perché era terrorizzata di aver questa esperienza che ha cambiato la sua vita?

A causa della sua menorragia, questa donna era stata religiosamente impura (Levitico 15:25) per anni. La legge affermava chiaramente che ciò influiva su tutti i mobili che usava (Levitico 15: 20-23), limitando fortemente la sua vita sociale. Non sarebbe stata in grado di unirsi alla vita della sinagoga e delle feste di Gerusalemme (presumendo che avesse abbastanza energia per arrivare là); in effetti, in molte chiese ortodosse d’oggi una donna mestruata è esclusa dall’eucaristia. Questo avrebbe causato gravi problemi coniugali con suo marito (Levitico 15:24; Ezechiele 18: 5-6), quindi avrebbe potuto essere divorziata. Questo è il motivo per cui toccò il mantello di Gesù da dietro.

Pertanto, così come i limiti fisici causati da questa condizione, la sua vita familiare, sociale e religiosa sarebbero state profondamente compromesse, spiegando la sua disperazione nel rovinarsi finanziariamente per cercare qualsiasi aiuto medico. Questa era allora una condizione comune, grave, che rovinava la vita per le donne, quindi c’erano diversi rimedi suggeriti dai rabbini; tutti costosi.

L’effetto di questa malattia apparentemente minore era quindi catastrofico. Gesù si rese conto che la guarigione fisica non era abbastanza per lei – anche la sua psiche e le sue emozioni danneggiate richiedevano attenzione. Ha quindi insistito affinché fosse localizzata per essere costretta ad apparire e guardare Gesù in faccia.

Gesù ha detto cinque cose notevoli che lei aveva bisogno di sentire:
Ed egli le disse: “Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male”. (Marco 5:34). Ma perché notevole?
1. Figlia: nelle sue trattative con le donne questa è l’unica volta in cui si sa che Gesù ha detto questo, e anche nelle sue molte guarigioni di uomini ha detto una sola volta “figlio” (Matteo 9: 2).
2. La tua fede: sebbene alcuni commentari evdenziano la sua grande fede, in realtà Gesù era la sua ultima speranza disperata; aveva bisogno di avere questa piccola scintilla affermata.
3. Ti ha salvata: una traduzione molto migliore sarebbe stata “ti ha reso completa”. Invece di usare una delle due parole comuni per la guarigione fisica (una già usata qui trascritta come “terapia”), Gesù scelse insolitamente la parola “salva” – abbracciando anima e spirito. In almeno altre tre occasioni, Gesù scelse le stesse parole per benedire e affermare la trasformazione che era avvenuta nella vita di una persona: una donna peccatrice, un lebbroso samaritano e un cieco (Luca 7:50, 17:19, 18:42 ).
4. Va’ in pace: Gesù è noto per averlo detto una volta, a un’altra donna esclusa dalla società (a causa dell’immoralità – Luca 7:50). Ora questa donna potrebbe finalmente provare una vera pace, non solo con la sua famiglia e la società, ma soprattutto con se stessa.
5. Guarita dal tuo male: quest’ultima parola è usata raramente per malattia, ma viene tradotta come “flagellazione” (come in Giovanni 19: 1). Gesù non solo ha benedetto la sua guarigione fisica, ma ha anche pienamente riconosciuto quanto sia stata devastante “il suo male”.
Questo è il motivo per cui Gesù si sentì costretto a fermarsi. Questa è la massima espressione della medicina di una persona completa.

Andrew Miller è un medico in pensione che divide il suo tempo tra lavoro come medico legale ed essere un pastore per strada.
Articolo da Andrew Miller

Traduzione a cura di Joao Vitor Nardi

Link originale: http://www.cmf.org.uk/resources/publications/content/?context=article&id=25893