Il mio pastore

Lo leggi in 2 minuti

«Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone e la tua verga mi danno sicurezza.» Salmi 23:4

Ci rallegriamo nel sapere che il nostro Pastore ci guida al sicuro, e condividiamo questa gioia con entusiasmo con le persone intorno a noi…finché improvvisamente non ci sembra di essere stati condotti in un vicolo cieco. Questo ci fa perdere la speranza e mette fine alla nostra gioia? Non importa quale sia stata la nostra reazione iniziale, o come ci siamo arrivati, sarà un’occasione per scoprire che il Signore non ci guida in vicoli ciechi, ma a volte ci permette di attraversare delle valli buie. A volte può sembrarci che un percorso particolarmente lungo, buio e fuori rotta durerà per sempre, e che potremmo addirittura morire lì (se solo potessi…). Anche Davide, il salmista, in questi versetti ci parla dell’ombra della morte, che ci trasmette un’immagine di perdita, di lutto, e di tristezza. Una notte buia per l’anima può verificarsi con la perdita di una persona amata o di un paziente, con una malattia, o con lo svanire delle nostre speranze, che possono portarci a sperimentare uno stato di desolazione e sconforto fino ad allora a noi sconosciuto.

Eppure, come anche l’ombra di un lupo non è un lupo (pur essendo ugualmente spaventosa!), così l’ombra della morte non è la morte. Non dobbiamo temere le ombre, per quanto possano sembrarci reali, quando la sostanza alla loro origine è stata conquistata dalla resurrezione del nostro Signore. La presenza di un’ombra lungo il nostro cammino spesso indica che la luce del sole non è molto lontana: infatti, spesso le ombre si formano davanti a noi proprio perché stiamo dando le spalle alla fonte di luce! Anche quando siamo completamente al buio, possiamo avere fiducia che la Luce del mondo si farà spazio tra le tenebre. Le pecore spaventate non vengono abbandonate nella valle dal loro pastore, ad agitarsi tra di loro, e nemmeno noi veniamo abbandonati dal nostro Pastore. Non c’è alcun male né alcun nemico che il nostro Buon Pastore non possa eliminare o allontanare da noi. Li sconfigge tutti.

Cristo, che conosce le sue pecore, le terrà tutte al sicuro.

Non lascerà che si perda nessuna anima, e non ci deluderà.

E noi giungeremo all’obiettivo, anche se gli inferi ci assalissero.

Richard Baxter.

Ulteriori letture: Giovanni 8:12, Giovanni 14:1-6.

JG

Traduzione a cura di Giulia Dallagiacoma

Articolo originale: https://www.cmf.org.uk/doctors/devotion/?id=devotion&day=9&month=6