Non essere preoccupato per i beni materiali

Lo leggi in 2 minuti

Ruth Butlin considera le distrazioni dei beni materiali.

In un centro di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo, ho lasciato le mie poche cose (che erano dentro una borsa di plastica) in una stanza in fondo, come mi avevano detto di fare, e sono andata a osservare il lavoro. Le bevande erano disponibili gratuitamente e gli assistiti potevano servirsi da un tavolo con cibo donato da un supermercato locale. Un altro tavolo era pieno di articoli per l’igiene personale e abiti di seconda mano ma di buona qualità: chi aveva bisogno di qualcosa poteva servirsi. La consulenza tecnica in materia di immigrazione era disponibile da un esperto e venivano offerti corsi di lingua inglese. Tutti hanno ricevuto un’accoglienza cordiale e i bambini sono stati invitati a giocare con dei giocattoli.

Quando abbiamo fatto le valigie e ci siamo preparati per partire, non sono riuscita trovare la mia borsa con le mie cose. Ci sono voluti circa 20 minuti per trovarle: erano state accidentalmente messe nella scatola delle cose donate rimaste per la ridistribuzione la prossima settimana! Durante quei 20 minuti ero in ansia e lo lasciavo trasparire. Sulla strada di casa, mi vergognavo mentre ripensavo alla mia reazione.

Se la mia borsa non fosse stata trovata, avrei perso un impermeabile, un nuovo paio di collant, una lista della spesa, un abbonamento per l’autobus (che sarebbe scaduto entro 3 mesi) e una vecchia borsa da spesa. Niente di che. La mia chiave di casa era ancora in tasca, insieme a una piccola quantità di soldi, sufficiente per fare il biglietto dell’autobus per tornare a casa. In quella fredda giornata (anche se avevo praticamente solo un maglione) non mi poteva nuocere così tanto camminare per dieci minuti attraverso la strada principale e poi percorrere un viaggio di cinque miglia su un autobus.

Alcune di quelle persone che ho incontrato al centro di accoglienza avevano perso tutto. Non solo vestiti e articoli per la casa, ma risparmi, ricordi preziosi, documenti che dimostravano chi erano, le loro qualificazioni, e per di più, parenti e amici (alcuni erano obbligati a rimanere indietro e altri erano morti). Alcune di quelle persone avevano iniziato con molto meno di quello che avevo a casa, e ora non avevano praticamente nulla. Perché ero preoccupata di aver perso qualche proprietà che avrei potuto facilmente sostituire?

Gesù disse ai suoi discepoli in un viaggio di non portare soldi extra o una tunica di riserva, (1) ma di portare il vangelo. Nient’altro dovrebbe essere portato se ciò interferisce con la nostra capacità di servire. Non essere preoccupato per i beni. (2) Signore, perdonami per aver sopravvalutato le mie cose. Dammi la grazia di tenere alla leggera tutto ciò che mi hai dato, sempre pronto a condividerlo con gli altri. (3)

Viaggiamo leggeri mentre lo seguiamo.

Ruth Butlin è un medico di famiglia in pensione.

Riferimenti

  1. Matteo 10:9-10
  2. Matteo 6:25, 6:28a
  3. Matteo 10:8b

Traduzione a cura di Joao Vitor Nardi