Riconoscere la guida del Signore nella propria vita

Lo leggi in 2 minuti

Il Signore ti guiderà sempre. Isaia 58:11
La promessa di Dio di guidarci è certa e viene ripetuta nella Parola. Lui ci ha rigenerati e ha un piano per le nostre vite (Efesini 2:10). Gesù stesso promise ai suoi discepoli/seguaci che non cammineranno nelle tenebre, ma avranno la luce della vita (Giovanni 8:12). Scoprire la volontà di Dio rimane tuttavia un problema di ordine pratico, soprattutto per i giovani medici che devono prendere spesso decisioni di lavoro che avranno un forte impatto sul loro futuro. Rischiamo di rimanere presi tra l’incudine della fretta a realizzare i propri piani, considerandoli giusti e il martello del dubitare per paura di commettere errori.

I seguenti principi sono frutto di una lunga esperienza:

1. Dio è più preoccupato di noi di farci conoscere la sua volontà e cerca né di deluderci né di nasconderci i suoi piani. Le sue promesse però non sono formule magiche sottoposte ad una bacchetta. Non siamo sempre pronti per la risposta che chiediamo a lui. Le promesse di Dio sono spesso condizionate da alcuni requisiti che riguardano la persona ricevente. “Riconoscilo in tutte le tue vie ed egli appianerà i tuoi sentieri” (Proverbi 3:6). “Cercate prima il regno di Dio…, e tutte queste cose vi saranno date in più” (Matteo 6:33); “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quello che volete e via sarà fatto” (Giovanni 15:7).

2. A volte Dio si trattiene dal darci indicazioni perché ci prepara cose migliori, “Perciò l’Eterno aspetterà per farvi grazia…” (Isaia 30:18). Lui aspetta ad intervenire per benedirci di più successivamente.

3. La sua guida si manifesta in modi diversi a diverse persone e in modi diversi nella vita della stessa persona. Lui è un Dio vivente, ricco in risorse e progetti, e raramente opera nello stesso modo più di una volta. Certe volte preghiamo per ricevere il suo consiglio, ma finiamo per non riconoscerlo quando ci arriva.

4. Può succedere anche a te di non essere pienamente consapevole della sua guida in un certo momento, ma con il senno di poi possiamo capire quant’è infallibile. Una moltitudine di “coincidenze” di circostanza e tempismo rassicura i nostri cuori che la sua mano buona è su di noi. Nel tempo prescelto da lui riusciamo a vedere “l’immagine” che si forma dai pezzi di puzzle.

“Bambino amato, non temere l’indomani sconosciuto,
Non temere le rivendicazioni sulla tua vita.
La tua ignoranza non ti causi dolore
Perché quello che è nascosto a te è conosciuto a me.”

Riferimenti:

Isaia 58:11
Efesini 2:10
Giovanni 8:12
Proverbi 3:6
Matteo 6:33
Giovanni 15:7
Isaia 30:18, Nuova Diodati

Link originale: https://www.cmf.org.uk/doctors/devotion/?id=devotion&day=12&month=5

Traduzione a cura di Victoria Svet